Viaggio in Basilicata: Castel Lagopesole
 

:: CASTEL LAGOPESOLE

La riserva di caccia di Federico II

Castel Lagopesole, frazione di Avigliano, è un pittoresco borgo ubicato a ridosso di un colle, dominato dalla imponente mole dell' ultimo (in ordine cronologico) dei castelli federiciani.
Il nome Lagopesole deriva dal latino medioevale "Lacus Pensilis", lago sospeso, per la presenza di lago quaternario nella sottostante Valle di Vitalba.
Località di importanza stategica in epoca preromana e nell'Alto Medioevo, Lagopesole conobbe un periodo di prosperità durante il dominio normanno e svevo.
A Lagopesole avvenne nel 1137 la riconciliazione dell'abate Rinaldo di Montecassino con papa Innocenzo II, alla presenza dell'imperatore Lotario di Sassonia.

IL CASTELLO
E' uno dei Castelli Normanni più importanti del Sud Italia, voluto da Federico II di Svevia come residenza di caccia e come fortezza. Fu sede di lunghi soggioni estivi di Manfredi, poi passò agli Angioini (Carlo I d’Angiò ne completò la costruzione) quindi ai Caracciolo, ai Doria, ecc.
Il maniero si trova in cima a un' altura (830 metri d’altezza), in posizione strategica ed è circondato da un bosco di 23 ettari. E' a pianta rettangolare, con torri d'angolo, il poderoso muro a bugnato esterno è rotto solo dall 'ingresso stretto tra due torri binate che si affiancano al portale. L' interno è diviso in due cortili di diverse dimensioni, il maggiore disposto a nord.
Nel salone occidentale del piano superiore, il cosiddetto “salone dell’imperatore” si possono ammirare le raffinate sculture dei capitelli e delle mensole di sostegno delle originarie coperture; il naturalismo della figurazione, con piante di gelso, uva e fichi, uccelli in volo, orsi e cinghiali sembra quasi un' illustrazione dei diletti descritti da Federico II nel De arte venandi cum avibus.
Fu sicuramente aggiunta dagli Angioini la cappella palatina con portale ornato da denti di sega, che conserva nella zona absidale alcuni resti di affreschi.

LA LEGGENDA
Come molti altri castelli anche il Castello di Lagopesole ha la sua leggenda: si racconta che nelle notti di luna piena si possono udire nei pressi del castello le urla e singhiozzi disperati di Elena degli Angeli, la sposa di Manfredi di Svevia, che torna nel luogo che la vide felice a cercare il suo amato e i suoi figli perduti per sempre.

COME RAGGIUNGERE CASTEL LAGOPESOLE
In treno La Stazione Ferroviaria di Castel Lagopesole si trova sulla Linea Foggia - Potenza:

In auto
da Potenza: Percorrendo la SS407, imboccare la SS658 Potenza-Foggia, uscire a Castel Lagopesole
da Foggia Percorrendo la SS655, continuare sulla SS658 Foggia-Potenza in direzione Potenza fino all' uscita Castel Lagopesole
da Matera Percorrere la SS7, continuando sulla SS407, imboccare la SS658 Potenza-Foggia, uscire a Castel Lagopesole
da Salerno o Napoli: Percorrere la A3 in direzione Reggio Calabria, uscire a Sicignano, continuare per la SS658 in direzione Foggia fino all' uscuta Castel Lagopesole
da Bari Percorrere la SS96, continuare sulla A14; prendere la A16; imboccare la SS658 Potenza-Foggia, uscire a Castel Lagopesole

 

Altre località di intereresse turistico in Basilicata:

Matera - Maratea - Acerenza - Metaponto - Venosa- Castel Lagopesole - Melfi